Mondo si World yes

#Opera d'arte itinerante - by Alessandra BISI

2
sostenitori

€ 40
raccolti di € 5.000,00

0
campagna terminata

Metropoli diverse o uguali? Different or equal metropolis?

Alessandra BISI

Viaggiare fa parte della mia vita. Il colore e le forme dei paesaggi della terra sono parte della mia storia di artista. Le mie strade sono state tante. Tradurre queste percezioni in composizione è il motivo della attenzione con cui su un diverso piano più mentale, osservo.

MONDO SI è nato dalla osservazione delle metropoli del mondo. In piena globalizzazione cambiano progressivamente per diventare sempre più simili l’una all'altra. Una osservazione estetica che certamente pone domande di tipo sociale ma che vivo sul piano percettivo creando le grandi superfici di tessuto su cui talvolta fisso reperti reali e su cui intervengo con disegno o pittura. Parto con un bagaglio di tessuto di colore e materiale diverso e in questa fase la mia composizione la immagino.

Per me è molto importante non tenere conto di nessuna narrazione che sia storica o tradizionale a proposito della città che raggiungo per viverci circa 30 giorni. Durante quel tempo unisco i miei tessuti con cuciture di diverso tipo e preparo i reperti reali che raccolgo in città. In 'Mondo si 2'che ho realizzato a S. Paolo in Brasile ho inserito piccoli indizi come un tappo di plastica e l’incarto di un cioccolatino tipico brasiliano (brigadiere). Confezionato Starbucks…come molte altre particolarità nel mondo.

Gli inserimenti non sono eclatanti per mia decisione. I miei 'Mondo sì sono costruiti con l’intento di raggiungere una autonomia estetica che ottengo con altri interventi per lo più pittorici. La prima città in cui ho iniziato l'opera è stata Rio de Janeiro. Ho immaginato questa città come una metropoli che avesse comunque un aspetto molto tipico. Qui ho prodotto 'Mondo si 1'. I miei supporti erano di colore neutro di diverso materiale come il lino, la canapa, la juta.

Gli interventi pittorici su tutta l'area unita da cuciture, sono linee e forme riempite dei colori che ho percepito in vari luoghi e ambienti della metropoli. Sono rare le forme che ho fissato e che sono riconoscibili come quella bianca dipinta su seta scura che è il Cristo Redentore. Questa mia prima tappa non contiene reperti perché non ho vissuto in modo importante il senso dell'essere invasi dalla plastica e dai tappi come nei luoghi successivi.

Dopo 'Mondo si 2'prodotto a S. Paolo, sono andata a proseguire il mio percorso in Asia, in Vietnam a Ho Chi Minh City.

Anche se seguo il processo del mio concetto, creo le opere sul posto e devo ricercare modi per tradurre la mia descrizione percettiva. Il mio 'Mondo si 3' è più lavorato nella costruzione del supporto e dell’inserimento dei vari reperti che negli interventi pittorici. Ho inserito strisce di tessuto tradizionale stampato con una antica tecnica simile al batik. Tessuti colorati dal blu indaco naturale che ho unito ad altri sintetici dai colori acidi o più sgargianti per simulare il senso reale che invece si avverte e che è lo stridente irrompere del nuovo. Plastica, cemento, grattacieli in costruzione. Il mio supporto è Saigon e il mio intervento successivo in grigia e nera pittura, sarà Ho Chi Minh City.

La mia prossima tappa sarà Madrid. Il criterio con cui scelgo le destinazioni è legato alla possibilità che le Residenze artistiche mi offrono ma accetto questo limite perché mi piace che le mete siano diverse e anche casuali. Vorrei andare a New York, a Tokyo, in una metropoli africana e in una città del nord Europa. 

Credo che questo progetto possa legittimamente essere accolto e finanziato da Fondazioni o Musei che sappiano scorgerne l'interesse contemporaneo ed in divenire.

Userò i fondi per proseguire nei miei itinerari. Anche i collezionisti potrebbero avere interesse nel seguire il mio progetto che ho documentato con testi e disegni o dipinti.  

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui.